Problema giuridico sulle licenze pro
  • Vi chiedo di aiutarmi a comprendere un profilo relativo licenze jamendo-pro.
    Sono un giurista, insegno informatica giuridica in un'università italiana, e mi sembra di ravvisare un'incoerenza nel modo in cui sono presentate le licenze jamendo-pro. Vi chiedo dunque se vi è possibile spiegarmi meglio che cosa intendete con alcune formulazioni.

    Nelle faq di Jamendo è scritto:
    "Devi acquistare una licenza commerciale nei seguenti casi:
    A) Se il tuo progetto è commerciale, è necessario l'acquisto di una licenza. (...)
    B) Se il tuo progetto non rispetta le regole Creative Commons, è necessario l'acquisto di una licenza.
    (...)"
    Queste affermazioni sono giuste e ineccepibili giuridicamente, però manca una precisazione: la prima delle due affermazioni (lettera "A") è valida solo nella circostanza in cui l'autore abbia posto la clausola "NC - Non commerciale". Se tale clausola non è presente, infatti, è la stessa licenza CC a rendere legittimo l'uso commerciale.

    In un punto successivo delle faq è scritto, in risposta alla perplessità che ho appena formulato:
    "Le licenze Creative Commons BY e BY-SA informano che gli artisti non sono contrari ad un uso commerciale della loro musica, questo però non significa che non intendono essere remunerati."

    In realtà, l'affermazione, così formulata, a mio avviso, non appare corretta.
    Esaminiamo ora solo la licenza "BY". http://creativecommons.org/licenses/by/3.0/it/legalcode
    Nel legal code, all'articolo 3, si dice:
    "Nel rispetto dei termini e delle condizioni contenute nella presente Licenza, il Licenziante concede a Te una licenza per tutto il mondo, gratuita, non esclusiva e perpetua (per la durata del diritto d’autore applicabile) che autorizza ad esercitare i diritti sull’Opera qui di seguito elencati:
    (...)
    c) istribuzione di copie dell’Opera o di supporti fonografici su cui l’Opera è registrata, noleggio e prestito di copie dell’Opera o di supporti fonografici su cui l’Opera è registrata, comunicazione al pubblico, rappresentazione, esecuzione, recitazione o esposizione in pubblico, ivi inclusa la trasmissione audio digitale dell’Opera, e ciò anche quando l’Opera sia incorporata in Collezioni di Opere"

    E nello stesso articolo, alla lettera "e" si precisa:
    "Al fine di evitare dubbi è inteso che, se l’Opera sia di tipo musicale:
    (...) Il Licenziante rinuncia al diritto esclusivo di riscuotere compensi, personalmente o per il tramite di un ente di gestione collettiva (ad es. SIAE), per la comunicazione al pubblico o la rappresentazione o esecuzione, anche in forma digitale (ad es. tramite webcast) dell’Opera.
    Compensi per versioni cover. Il Licenziante rinuncia al diritto esclusivo di riscuotere compensi, personalmente o per il tramite di un ente di gestione collettiva (ad es. SIAE), per ogni disco che Tu crei e distribuisci a partire dall’Opera (versione cover)."

    Come si concilia con tutto ciò con la vostra affermazione per cui ""Le licenze Creative Commons BY e BY-SA informano che gli artisti non sono contrari ad un uso commerciale della loro musica, questo però non significa che non intendono essere remunerati."?

    A mio avviso, e in base alle mie conoscenze giuridiche, in caso di licenze By e BY-SA l'artista ha espresso una chiara volontà in forza della quale NON intende essere remunerato.

    Ne consegue che l'acquisto della licenza PRO per tali licenze non è necessario: può aver luogo, ma è solo un "di più" utile se si vuole dimostrare con maggiore facilità il fatto che la SIAE non può avere pretese in relazione all'uso dell'opera, ma la cui assenza non comporta nessuna illegittimità e nessuna irregolarità di alcun genere nell'uso commerciale dell'opera.

    Mi confermate che è così, e mi fate sapere se siete disponibili a riformulare la frase relativa alla pretesa al compenso da parte degli artisti da me sopra riportata, in modo da renderla più coerente con il legal code della licenza CC-BY?

    Grazie

    Daniele


  • @eleinads Ciao Daniele, se il quesito che poni è rivolto allo staff Jamendo, questo è il posto sbagliato, qui siamo solo utenti e musicisti, raramente si affaccia qualcuno dello staff.
    Per quanto ne so io, un bel pò di quello che c'è scritto nelle faq sono corbellerie e con poco fondamento giuridico, destinate a chi di licenze CC sa poco o nulla o chi le deve acquistare.
    Chiaro che se un'opera è licenziata CC-BY se ne può fare quello che si vuole basta che non sia pregiudizievole per l'autore.
    Altrettanto chiaro che l'autore non pretende dei soldi per l'uso ma se qualcuno generosamente gliene offre di certo non li rifiuta o neanche penso ci sputa sopra.
    Ho qualche dubbio circa il discorso siae. CC e Siae non hanno nulla a che vedere l'uno con l'altro, e chi usa musica CC non deve dimostrare nulla alla siae. Sarà la siae a dimostrare che il brano in questione è nel suo repertorio. E se non è nel suo repertorio non sono affari che la riguardano.
    Fatto questo già assodato per i live di musica CC dove non si fa il bordero e si mandano al gas gli ispettori siae quando si presentano.
    Comunque se vuoi saperne di più è consigliabile:
    o scrivere, in inglese, al servizio giuridico di Jamendo
    o parlare con Simone Aliprandi, che oltre a essere un membro di jamendo è anche musicista qui, quindi i contratti li conosce bene, inoltre è un avvocato esperto di diritto d'autore e in particolare di licenze Creative Commons, ha fondato lui Copyleft Italia.

    Per Scrivere ad Eva del servizio legale usa la mail di jamendo e poni il tuo quesito.
    Se vuoi contattare Simone Aliprandi lo puoi fare tramite il suo blog:
    http://www.aliprandi.org/formcontatti
    prima di scrivere è consigiabile leggere questo: http://www.aliprandi.org/it/contact
    oppure porre il quesito direttamente sul gruppo di Copyleft Italia su Facebook
    http://www.facebook.com/groups/51310112773/

    Buon lavoro!
    Daniela